Secondi piatti

Spezzatino di pollo in agrodolce

7 giugno 2011

Per 4 persone:

1 petto di pollo intero (600 gr.)
1 cucchiaio di aceto di vino
2 cucchiai di aceto balsamico
1 cucchiaio di olio di oliva
1 cucchiaino di miele
3 mestoli di brodo di verdure
sale, pepe q. b.

Tagliate il petto di pollo a pezzetti, insaporiteli con abbondante pepe, regolate di sale e lasciateli riposare al fresco per circa 1 ora.
Sciogliete il miele in una padella antiaderente con 1 cucchiaio di aceto di vino e con l’aceto balsamico, unite l’olio, il pollo e fate insaporire a fuoco vivo finchè il fondo di cottura inizia a caramellare.
Proseguite con la cottura per qualche minuto, bagnando con il brodo.
Stufate a fiamma bassa per una decina di minuti (dipende da quanto sono grandi i pezzetti di pollo), servite lo spezzatino ben caldo.

Valori nutrizionali per porzione:
Kcal: 153
Proteine: 34,9 gr. (91,3%)
Grassi: 1,2 gr. (7,0%)
carboidrati: 0,8 gr. (1,9%)

Ti potrebbe interessare anche

4 Commenti

  • Rispondi Anonimo 7 giugno 2011 at 18:32

    Mi ispira un sacco, lo proverò subito
    Ciccina

  • Rispondi Anonimo 7 giugno 2011 at 20:57

    Salve, ho visto le vostre ricette e sono molto interessanti, però avrei una domanda.
    Ho visto che la ricetta del pollo in crosta ha il doppio delle calorie del pollo in agrodolce. Incidono così tanto gli ingredienti proposti?
    Grazie mille per l'attenzione e complimenti per l'iniziativa.

  • Rispondi Paola Richero 8 giugno 2011 at 20:06

    Salve. Effetivamente a parità di porzione di carne, nella ricetta del pollo in crosta le calorie risultano maggiori, poichè sono da attribuire agli ingredienti mandorle e pangrattato; invece nel pollo in agrodolce, la componente dell'aceto risulta molto meno importante dal punto di vista calorico ma non dal punto di vista del gusto!
    Grazie per la precisa osservazione

  • Rispondi Anonimo 9 giugno 2011 at 11:48

    Grazie per la risposta. Per un mangione profano è difficile a volte capire come alcuni ingredienti facciano una così grande differenza in termini di calorie e magari molto meno in termini di gusto.

  • Rispondi a Paola Richero Cancella risposta