Dal diario di una nutrizionista....

Nemo propheta in patria….

2 ottobre 2011
Questa volta non vi lascio delle ricette, ma solo una riflessione. Sabato sera avevo a cena i miei genitori e mio suocero. Ho preparato come dessert la “mousse di ricotta e yogurt ai frutti di bosco”, ricetta che trovate nel blog. Mio padre e mio suocero sono entrambi diabetici quindi ho avuto l’accorgimento di preparare le loro porzioni utilizzando il dolcificante (sottolineo solo per loro, io non amo utilizzare i dolcificanti!). Entrambi hanno gradito molto le loro coppe ai frutti di bosco, facendomi tanti complimenti. MA….. mio suocero (che è un diabetico “impenitente”) aveva portato anche una crostata di quelle confezionate, l’ha aperta, e ne ha consumate due belle fettone, vanificando COMPLETAMENTE i miei sforzi per tenere a bada la sua glicemia!!!! Almeno il mio papà è stato un po’ più bravo: non so se poi a casa sua si sia mangiato anche lui due fette di crostata, ma almeno non l’ha fatto sotto i miei occhi 🙂
Non me la prendo, ovviamente! Ho deciso di raccontarvi questo piccolo fatto di vita quotidiana perchè fa sorridere. Inoltre mi porta, come dicevo all’inizio, a fare una riflessione, che è quella del titolo di questo post o, se preferite, “il figlio dello scarpaio ha le scarpe rotte”.
Un saluto a tutti e a domani con nuove ricette!
Paola S.

Ti potrebbe interessare anche

Nessun commento

Scrivi una risposta