consigli

Mela contro uva: chi vince?

19 settembre 2013
Mela contro uva
Dal punto di vista calorico è abbastanza evidente chi vincerebbe la gara in una dieta ipocalorica ma non possiamo ignorare la straordinaria ricchezza in nutrienti dell’uva!
L’uva è costituita principalmente da acqua (circa 80%) ed è ricca in zuccheri (per questo motivo è sconsigliata a chi soffre di diabete).
Contiene una discreta quantità di fibra, poche proteine e praticamente niente grassi.
Contiene anche molte vitamine, tra le quali la C (6 mg.), la B1,la B2, la PP e la A ed anche sali minerali, come il potassio (192 mg.), il rame, il manganese ed il fosforo.
L’uva andrebbe consumata con i suoi semi (vinaccioli), da masticare accuratamente: sono ricchi di acidi grassi polinsaturi e di tannino. Proprio dai vinaccioli si estrae  uno dei migliori oli vegetali terapeutici, utile per la sua azione lassativa e ipocolesterolemizzante.
A causa della presenza di cellulosa (molto elevata), l’uva può essere controindicata a chi soffre di stomaco (per la poca digeribilità)  e a chi soffre di colite.
Le proprietà disinfettanti, antiossidanti e disintossicanti rendono questo frutto molto prezioso, quindi, visto che la sua stagionalità è abbastanza breve, se ne consiglia l’assunzione di 2-3 porzioni a settimana (se si sta seguendo una dieta ipocalorica)!

Ti potrebbe interessare anche

4 Commenti

  • Rispondi Anonimo 19 settembre 2013 at 12:06

    Accidenti dottoressa… ma lei ha già tutta questa energia alle 6 e 30 del mattino ??????????????? Complimenti !!!

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 19 settembre 2013 at 13:24

    No, no… non prendiamoci meriti che non abbiamo! A volte programmiamo la pubblicazione dei post con l'orario impostato! W la tecnologia!

  • Rispondi Maria Teresa Camarda 21 settembre 2013 at 15:55

    Buongiorno e ben trovate. Una informazione: io sono un po' in sovrappeso e mi hanno consigliato qualche giorno di dieta dell'uva (ampeloterapia). Che ne pensate?

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 22 settembre 2013 at 23:22

    Ciao Maria Teresa! Conosco l'esistenza dell'ampeloterapia (dal greco, ampelos = uva) ma non mi sentirei di consigliare un regime solo a base di uva (si parla di quantità da 1 a 2 kg al giorno, eliminando tutti gli altri alimenti). Crediamo che il traguardo del peso adeguato sia fondamentalmente raggiungibile attraverso l'educazione alimentare e l'equilibrio fra tutti i nutrienti.
    A presto!

  • Scrivi una risposta