Secondi piatti

Anelli di totano impanati al forno

12 febbraio 2013
Anelli di totano impanati al forno
Potremmo inaugurare una nuova rubrica, “Chi ha detto che è difficile cucinare il pesce?” Angela, moglie di Maurizio, (vi avevo promesso che vi avrei citato!) mi ha ‘regalato’ questa ricetta veramente strepitosa! Da provare assolutamente perchè è facile e perchè è leggera!

Ingredienti per 4 porzioni:
800 gr. di anelli di totani
120 gr. di pangrattato
2 cucchiai di olio evo
rosmarino q. b.
sale q. b.
pepe q. b.
Lavate ed asciugate gli anelli di totani o calamari, se usate  quelli surgelati (come ho fatto io), prima di usarli dovete scongelarli.
Mischiate il pangrattato con il rosmarino, il pepe ed il sale.
Nel frattempo accendete il forno a 200°.
Passate i totani in questa panatura facendo attenzione a farla aderire per bene.
Disponete gli anelli, distanziandoli gli uni dagli altri, su una teglia coperta con la carta da forno.
Vaporizzate l’olio sui totani.
Infornate per 15 minuti, controllate a vista e proseguite la cottura finchè gli anelli non diventano dorati.

Valori nutrizionali per porzione:
264 kcal
Proteine: 28,7 gr. (43,4%)
Grassi: 8,5 gr. (29,0%)
Carboidrati: 19,4 gr. (27,6%)

Ti potrebbe interessare anche

23 Commenti

  • Rispondi mary86 12 febbraio 2013 at 17:26

    appetitosissime!
    corrò a comprarli!

  • Rispondi Arianna 15 febbraio 2013 at 16:17

    Ciao a tutte!
    Ma se usassi l'olio invece che cuocerli in forno?
    Una mia amica mi ha regalato una bottiglina di Laudemio, e volevo provarlo così. Troppi grassi dite?
    Grazie,
    Arianna

  • Rispondi Dani 17 febbraio 2013 at 11:15

    Li ho fatti ieri sera, sono venuti buonissimi, a piacere abbiamo aggiunto anche un po' di limone spruzzato a fine cottura. Una scoperta fantastica, grazie!

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 17 febbraio 2013 at 16:49

    Beh Arianna la frittura è sicuramente più calorica anche se fatta con ottimo olio extra vergine di oliva…

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 17 febbraio 2013 at 16:51

    Grazie a te per averli provati, anch'io ho spuzzato un po' di limone sui totani!
    A presto

  • Rispondi Anna 19 febbraio 2013 at 15:04

    Anche io li ho provati, sono stati strepitosi. I totani sono rimasti morbidissimi, una specialità!

  • Rispondi Arianna 19 febbraio 2013 at 16:48

    Si si, rispetto al forno certo.
    Vabbè lo userò per condire dei carciofi crudi tagliati finissimi oppure qualsiasi verdura cruda!

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 20 febbraio 2013 at 22:31

    Oppure su una fetta di pane, un'ottima merenda anche per i bambini!

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 20 febbraio 2013 at 22:32

    E sono anche semplicissimi da fare..

  • Rispondi Cris 15 aprile 2013 at 22:31

    Da un pò di tempo sono a dieta e questa ricetta mi ispira molto 🙂 ma mi pongo sempre una domanda…ma se uso il pangrattato per la panatura di carne o pesce devo evitare di mangiare i miei 50 gr di pane o pasta?

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 17 aprile 2013 at 12:15

    Beh Cris, la quantità di pangrattato è veramente minima (in questa ricetta abbiamo utilizzato 120 gr. per 4 porzioni) e spesso ne avanza… ti consiglierei di diminuire leggermente la porzione di pane a pasto!
    Buona giornata!

  • Rispondi Cris 18 aprile 2013 at 11:11

    Grazie mille! questo blog è fantastico 🙂

  • Rispondi fragolosa 18 settembre 2013 at 14:05

    Buongiorno Dottoresse! 🙂 Oggi a pranzo ho preparato gli anelli di totano, ma non volevo proprio farli impanati, quindi ho preparato una marinatura con 2 cucchiai di olio evo (per circa 300 g di totani), un po' di prezzemolo direttamente dall'orto, ed uno spicchio d'aglio. Ho poi cotto gli anelli su una piastra ben calda. Cosa ne dite?

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 19 settembre 2013 at 13:12

    Che possiamo dire?! Ottima idea! Hai mica scattato una foto del piatto? Potrebbe essere una gustosissima proposta per la nostra rubrica "Ai fornelli con QB e…", facci sapere…

  • Rispondi fragolosa 19 settembre 2013 at 13:43

    Mannaggia no! Ma sarò felicissima (ed anche il papà :-P) di riproporre il piatto per fotografarlo! Vi farò sapere 🙂

  • Rispondi Anonimo 17 agosto 2014 at 22:08

    Buonissimiiii

  • Rispondi Dott.ssa Paola Salgarelli 19 agosto 2014 at 11:42

    Grazie!

  • Rispondi gina79 Corsini 14 settembre 2015 at 0:02

    È possibile farli senza olio. ?che cambia?

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 14 settembre 2015 at 13:58

    Il pangrattato non rimane croccante e dorato! Si perde di gusto!

  • Rispondi La Fiammante 24 settembre 2015 at 22:40

    Che bella idea un blog fatto da due nutrizioniste, ci voleva! Complimenti per il modo in cui riuscite a rendere ricette solitamente grasse, come questa, più leggere e salutari.

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 4 ottobre 2015 at 17:15

    Grazie!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Rispondi Anonimo 23 marzo 2016 at 14:11

    Se non volessi usare l'olio, posso ugualmente farli in forno magari aggiungendo brodo?

  • Rispondi Dott.ssa Paola Richero 23 marzo 2016 at 14:59

    Senza l'olio i totani non verrebbero dorati, l'aggiunta del brodo provocherebbe una specie di bollitura… non scommetterei sul risultato finale!

  • Scrivi una risposta